Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
IT EN
MENU
ANBINFORMA
CAP 2020
AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE

Torna indietro
10/04/2017

IN FASE DI ULTIMAZIONE I LAVORI SUL BACCHIGLIONE A LONGARE

Diversi sono, in questo periodo, le progettazioni e gli interventi lungo il Bacchiglione, un fiume che all'apparente deflusso delle acque calmo e tranquillo unisce una sensibile reattività, con improvvise ed imprevedibili piene, quando si verificano azioni temporalesche sulle montagne vicentine. Tra i comuni colpiti dagli eventi alluvionali succedutisi dopo il 2010, uno di quelli che aveva evidenziato particolari criticità idrauliche è Longare, dove le opere di difesa idraulica, costruite nel tempo, si sono dimostrate purtroppo ripetutamente carenti e strutturalmente inadeguate a contenere i maggiori eventi di piena.

“Per questo – spiega l’assessore  alla difesa del suolo della Regione del Veneto, Gianpaolo Bottacin - tramite il Genio Civile di Vicenza abbiamo redatto alcuni progetti di lavori urgenti fra le località Debba e Colderuga di Longare, poco a monte della confluenza del fiume Tesina. Espletato l’intero iter autorizzativo si è quindi proceduto all’assegnazione e alla realizzazione dei lavori previsti, che abbiamo completato a fine 2016 e ora si stanno ultimando alcuni aspetti di finitura, che saranno portati a termine entro la fine del mese di aprile.”

I lavori eseguiti sono consistiti, in particolare, nella realizzazione di un rialzo e ringrosso dell’argine destro del Bacchiglione in località Bugano di Longare; nella posa di opere di scarico delle acque nel Bacchiglione; nella posa di scogliere a protezione delle difese spondali e la ricomposizione delle scogliere esistenti, risalenti al 1930, danneggiate dagli ultimi eventi di piena; nella costruzione di un tratto di muro arginale.

“Con questo ennesimo lavoro, per il quale abbiamo investito una cifra di poco superiore al milione di euro – conclude Bottacin – è stato dato un nuovo ed ulteriore contributo alla sicurezza del territorio vicentino, con particolare riguardo, oltre che al comune di Longare  anche all’arteria stradale, che collega Vicenza con Este e la Bassa Padovana.”


Articoli correlati

Condividi