Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
IT EN
MENU
ANBINFORMA
CAP 2020
AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE

Torna indietro
16/06/2017

DOMANI E’LA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA DESERTIFICAZIONE E LA SICCITA’

ANBI: LA SICILIA E’ LA REGIONE A MAGGIORE RISCHIO, MA IN EMILIA ROMAGNA LE FALDE ACQUIFERE SONO ALL’ASCIUTTO: E’ STATO DI EMERGENZA IN AGRICOLTURA

Se in Emilia Romagna non ci saranno significative precipitazioni nelle prossime due settimane quella, che oggi è già una situazione di emergenza  potrebbe trasformarsi  in una catastrofe, scatenando conflitti per l'acqua tra i territori e danni colossali per l'intero agroalimentare regionale. I dati rilevati in campo negli ultimi giorni dicono chiaramente che, a livello regionale, le falde sono completamente scariche e che i livelli raggiunti sono, in quasi tutti i territori della regione, al di sotto di quelli registrati durante l'inverno.

A lanciare il preoccupante allarme, alla vigilia della Giornata Internazionale contro la Desertificazione e la Siccità, è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), il cui presidente, Francesco Vincenzi, ammonisce: “Il pericolo desertificazione deve ormai entrare, anche per il nostro Paese, tra le possibili conseguenze dei cambiamenti climatici, così come testimonia l’attuale crisi idrica, conseguenza delle insufficienti precipitazioni dei mesi scorsi e di un caldo inusuale in un periodo, che non è ancora estivo.”

Secondo i dati del C.N.R.(Consiglio Nazionale Ricerche) la regione a maggior rischio desertificazione è la Sicilia con il 70% del territorio minacciato da insufficienza idrica; seguono il Molise (58%), la Puglia (57%),la Basilicata (55%) e  poi Sardegna, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria e Campania con percentuali oscillanti fra il 30% ed il 50% dei territori a rischio.

“Alcune tendenze sono ormai conclamate: il clima è cambiato e con esso anche le precipitazioni meteorologiche; è necessaria un’assunzione di consapevolezza collettiva, adeguando le infrastrutture a servizio dell’agricoltura e dell’ambiente, perché senza acqua e senza cibo non c’è vita. Serve un Piano Nazionale degli Invasi, interessante soprattutto l’Italia settentrionale, per raccogliere le acque di pioggia, bene sempre più prezioso e raro” conclude il direttore generale ANBI, Massimo Gargano.


Articoli correlati

Condividi