Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
IT EN
MENU
ANBINFORMA
CAP 2020
AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE

Torna indietro
03/08/2017

ORDINE GEOLOGI VENETO: “CONTRO LA SICCITÀ PROGETTI DI RINNOVO DELLE BANCHE BLU”

L’allarme siccità, in questa prima fase estiva, ha messo in difficoltà interi comparti economici e spaventato amministratori e cittadini ma, secondo i geologi, la siccità non sarebbe un problema, se aumentasse il livello di consapevolezza e la cultura della prevenzione di chi è chiamato a gestire le risorse idriche. Per questo, l’Ordine dei Geologi del Veneto ricorda che oltre alla “cultura dell’acqua”, volta a ridurre lo spreco del prezioso bene, sarebbe opportuna una programmazione lungimirante, tale da favorire la ricarica delle cosiddette “banche BLU”.

 “Una banca BLU va aiutata a rinnovarsi con progetti dedicati di ricarica da proporre soprattutto in alta pianura, dove gli strati naturali di ghiaie rendono molto permeabili i terreni e agevolano un veloce recupero delle acque nei bacini idrogeologici, da dove potranno essere utilizzate anche nelle zone più basse della pianura” afferma Nicola De Zorzi, idrogeologo e vicepresidente dell’Ordine dei Geologi del Veneto.

Inoltre, secondo l’Ordine professionale, andrebbe riconsiderato il ruolo delle acque sotterranee, una risorsa enorme, di cui non avere paura  in un periodo, in cui la crisi idrica, dovuta alla scarsità delle precipitazioni, si farà sempre più sentire. La maggiore risorsa di acqua idropotabile italiana, infatti, non proviene da laghi e fiumi, bensì dalle acque sotterranee, che forniscono ben l’85% della risorsa; immagazzinando l’acqua filtrata nel terreno, si sarà così in grado di renderla disponibile per gli scopi idropotabili, irrigui o industriali anche nei periodi siccitosi.


Articoli correlati

Condividi