Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
IT EN
MENU
ANBINFORMA
CAP 2020
AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE

Torna indietro
07/08/2017

FRANCESCO VINCENZI: “IL CONTRASTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI NON PUO’ LIMITARSI A TITOLI E DICHIARAZIONI D’INTENTI. È URGENTE CONCRETIZZARE LE SCELTE”

“Premesso che la sicurezza idrogeologica assoluta non esiste, ma che la violenza dei cambiamenti climatici ha reso inadeguata la gran parte della rete idraulica del Paese, approfitto dell’immagine mediatica di un’ Italia divisa a metà, cioè maltempo al Nord e siccità al Sud, per ribadire che l’anello di congiunzione fra le due realtà è il Piano Nazionale degli Invasi, da noi proposto, unitamente alla Struttura di Missione #italiasicura, con la doppia valenza di prevenzione dalle alluvioni e di riserva idrica.”

Ad affermarlo è Francesco Vincenzi, presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), che prosegue: “Lo ricordo perché, posticipata l’emergenza del  lago di Bracciano e quindi della città di Roma, la nostra proposta rimanga forte nell’agenda politica in vista della prossima Legge di Stabilità. Non bastano al Paese, al territorio, all’economia, all’occupazione, gli stanziamenti già decisi dal Governo: i 300 milioni del Piano Irriguo Nazionale, il cui termine per la presentazione dei progetti  è stato posticipato al 31 Agosto ed i 295 milioni, assegnati dal C.I.P.E., di cui ancor auna volta chiediamo i bandi. Oltre alla attivazione concreta di queste risorse - sottolinea il Presidente ANBI- ne servono di aggiuntive, perché lo impongono le emergenze, che da settimane flagellano il Paese e che oggi minano drammaticamente industrie turistiche come quelle di Cortina d’Ampezzo e del Trentino Alto Adige dimostrando, una volta di più, l’urgenza di intervenire per mettere in sicurezza idrogeologica anche i territori a monte dei grandi centri urbani, cui sono state doverosamente destinate risorse. Lo chiedono i territori, ma soprattutto le vittime, che continuano a contarsi ed alle cui famiglie non può andare che la nostra operosa solidarietà, convinti che non è il maltempo il responsabile… . All’inizio dell’autunno, i Consorzi di bonifica riproporranno l’annuale report di progetti definitivi ed esecutivi per la riduzione del rischio idrogeologico; mettere in sicurezza il territorio da siccità ed alluvioni può essere un importante volano per la ripresa economica. Servono, però, scelte politiche e operative, che continuiamo a chiedere a gran voce.”


Articoli correlati

Condividi