Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
IT EN
MENU
ANBINFORMA
CAP 2020
AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE

Torna indietro
11/09/2017

ORE DI GRANDE LAVORO

Nottata impegnativa per il personale reperibile del Consorzio di bonifica Veneto Orientale; infatti,  la perturbazione, che sta interessando il comprensorio, nella notte trascorsa ha scaricato ingentissimi quantitativi di pioggia, in particolare nell’area litoranea.

Spicca su tutti il dato rilevato dalla stazione A.R.P.A.V. di Bibione, dove si è registrato tra la serata di sabato e le prime ore di questa mattina un quantitativo di oltre 125 millimetri di pioggia, di cui ben oltre 78 millimetri solo nelle ore tra le 21 e l’ 1 della scorsa notte.

Quantitativi importanti si sono registrati anche a Caorle, dove sono stati misurati 107 millimetri complessivi, di cui 30 tra le ore 22 e le 23 di ieri sera.

Una tale concentrazione di pioggia (78 millimetri in meno di quattro ore sono un quantitativo fuori dal comune) ha messo in crisi il sistema di smaltimento urbano, con conseguenti ampi allagamenti nel centro di Bibione.

Problemi di minore entità si sono manifestati anche nella zona di Cortellazzo e in località Eridania, a San Michele al Tagliamento.

Le sonde di misurazione di livello hanno registrato valori di pioggia molto elevati presso gli impianti idrovori delle località VI bacino ed a Bibione, Cortellazzo, Jesolo, nonché in comune di Caorle.

Gli impianti idrovori automatizzati hanno funzionato al massimo della portata per contenere il picco di piena nella rete di bonifica, dove non si sono verificate tracimazioni  e  le quote idrometriche saranno riportate alla normalità in uno o al massimo due giorni, a seconda delle condizioni meteorologiche.

I tecnici del Consorzio stanno costantemente monitorando la situazione dalla sala di telecontrollo e telecomando per coordinare le manovre dei manufatti idraulici e gli interventi del personale sul territorio, in particolare per il recupero della gran quantità di erbe trasportate contro le griglie delle centrali idrovore.

Il servizio di vigilanza straordinaria proseguirà fino al ristabilimento delle condizioni di completa normalità della rete.


Articoli correlati

Condividi