ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

DIGA AI RAGGI X DOPO IL SISMA: E’ TUTTO A POSTO

Pubblicato il 12/09/2016

Dopo il sisma del 24 agosto e le infinite scosse di assestamento, continua ad essere operativa  la "task force" messa in campo dal Consorzio di bonifica delle Marche per il monitoraggio degli sbarramenti artificiali in concessione nell'intero territorio regionale.

Considerato il grado di magnitudo dell'evento, in base alle disposizioni vigenti (80 chilometri dall'epicentro), sono state monitorate tutte le dighe consortili ad eccezione di quella di Mercatale a Sassocorvaro.

"Tutte le osservazioni compiute sulle strutture – fa sapere  Alessandro Apolloni, ingegnere e capo settore dighe per il Consorzio – così come sulle strade di accesso e di servizio e sulle strumentazioni non hanno mostrato evidenze significative, con parametri riscontrati nella fascia dei valori storici. Particolare attenzione è stata rivolta alla Diga di Comunanza, la più vicina alla zona dell'epicentro (25 chilometri). Proprio questa è stata oggetto di rilevamento sin dalle prime luci dell'alba con riguardo al corpo diga, alla casa di guardia, alle strutture accessorie, non mancando di verificare le sponde dell'invaso e la loro stabilità. In seguito – prosegue il tecnico – abbiamo eseguito tutti i controlli strumentali, che non hanno rilevato valori fuori dalle serie storiche."

In continuità di monitoraggio, i tecnici del Consorzio hanno anche accompagnato i colleghi della Direzione Generale delle Dighe del Ministero Infrastrutture e Trasporti nell'ispezione straordinaria a seguito dell'evento sismico. Nell'occasione sono stati riproposti tutti i controlli previsti dal FCM, cioè il foglio condizioni dell'esercizio della diga e si è verificato il corretto funzionamento dell'impianto. Sono state eseguite tutte le misure strumentali (collimazioni, "rock meters", pendoli rovesci, filtrazioni oltre a quelle ordinarie giornaliere) e contestualmente sono stati verificati gli apparati elettromeccanici come paratoie, sistema di allarme, gruppi elettrogeni e quant'altro, constatando che non ci fossero malfunzionamenti negli impianti e negli organi di scarico dello sbarramento posto nell'alto corso del fiume Aso, a monte dell'abitato di Comunanza.

La diga, che al massimo invaso contiene oltre 15 milioni di metri cubi d'acqua, al termine della stagione irrigua 2016, in questi giorni di fine estate,  presenta un livello di riempimento di poco superiore a m. 639.00  sul livello del mare, con volumetria di invaso di circa 10.000.000 di metri cubi.

"Riteniamo di poter esprimere la dovuta tranquillità in ordine allo stato della diga – conclude Apolloni – ma assicuriamo comunque all'intera collettività un monitoraggio continuo, in stretto contatto con la Direzione Generale Dighe e le Autorità di Protezione Civile competenti."

Articoli correlati