ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

MALTEMPO: NEL MEDIO VALDARNO, IL SISTEMA IDRAULICO HA RETTO BENE

Pubblicato il 21/11/2016

All'indomani della nuova ondata di maltempo, che ha interessato tutta la Toscana, con piogge particolarmente abbondanti anche sulle zone nord del comprensorio del Medio Valdarno (zone di Pistoia, Prato e Piana Fiorentina), il presidente del Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno traccia un bilancio sulla sostanziale buona tenuta del reticolo idrografico.

Pur ricevendo cumuli di precipitazioni  abbondanti e concentrate nel tempo e nello spazio, tanto da determinare un rapido innalzamento dei livelli e ripetute ondate di piena, sia i fiumi principali (Ombrone e Bisenzio) che i torrenti, fossi e rii minori (Brana, Stella, Quadrelli, Marina) hanno sostanzialmente tenuto e scolato regolarmente. Le paratoie e le porte vinciane alle confluenze con i corsi d'acqua maggiori hanno retto al passaggio delle piene; gli impianti, come Castelletti, Crucignano e la Viaccia insieme alle altre più piccole idrovore dislocate sul territorio, hanno pompato per ore così come le casse di espansione hanno smaltito le quantità in eccesso (la cassa di espansione della Querciola sul torrente Quadrelli a Quarrata, per la prima volta è entrata in funzione dopo la sua inaugurazione).

E' stato un risultato, dal punto di vista idraulico, non scontato, frutto di un'attenzione particolare e condivisa sul tema del rischio idrogeologico da parte di tutti i soggetti coinvolti seppur con competenze diverse.

"Troppo spesso  fa notizia solo quando si finisce sott'acqua – commenta il presidente del Consorzio, Marco Bottino – Invece dobbiamo rivendicare con orgoglio, quando il territorio regge bene ad ondate di maltempo sempre più frequenti e pericolose, grazie ad un sistema efficace,  basato sul lavoro di manutenzione e prevenzione."

Articoli correlati