ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

PIOGGIA: I RISULTATI DEL MONITORAGGIO E DELLA PREVENZIONE

Pubblicato il 29/04/2017

Una significativa e importante azione di monitoraggio e di prevenzione è stata effettuata  dal Consorzio di bonifica Pianura Friulana nell'ambito di tutto il territorio di competenza ( tra il Tagliamento e l'Isonzo e tra Gemona e Lignano e Grado) durante gli eventi meteorici particolarmente intensi e insistenti verificatesi negli ultimi tre giorni.

Di particolare rilievo è l'effetto del funzionamento del canale scolmatore Corno-Tagliamento, che ha registrato  ben 100 metri cubi al secondo di portata scolmata (100 metri cubi al secondo è la potenzialità massima): un'azione, che ha permesso di evitare esondazioni disastrose nei territori dei comuni di Rive d'Arcano, Coseano, Mereto di Tomba, Codroipo  e che ha ridotto, al minimo, i fenomeni lungo i corsi d'acqua  Taglio e Stella. Un primo consuntivo stima in circa 1.300.000 metri cubi (pari a 1,3 miliardi di litri) il volume di acqua scolmato; una tale massa d'acqua avrebbe avuto effetti molto pesanti oltre che sui territori  indicati anche sulla Bassa a Varmo, Rivignano, Precenicco e San Giorgio di Nogaro.

Il monitoraggio delle prese e dei nodi idraulici, gestiti dal Consorzio, consente di rilevare valori ancora elevati del fiume Tagliamento a Ospedaletto di Gemona  e del  torrente Torre a Zompitta, in comune di Reana del Rojale.

Inoltre sono entrati in funzione i sistemi di scolmatori di piena nel bacino del Destra Torre, tra Udine e Palmanova, con particolare riferimento allo scolmatore "del Sassetto". Tali sistemi mitigano il rischio idrogeologico nei territori e centri abitati di Pavia di Udine, Trivignano Udinese, Santa Maria La Longa, Palmanova, Visco con benefici anche nei territori della Bassa nei comuni di Bagnaria Arsa, Aiello, Ruda, Cervignano e Torviscosa.

Nella fascia dei territori "perilagunari" tra Tagliamento e Isonzo (da Lignano a Grado), posti al di sotto del livello del medio mare, sono entrati in funzione  tutti gli impianti idrovori (circa 35) per lo scarico delle acque a fiume ed a laguna. 

Articoli correlati