ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

SICCITA’ INCENDI E ….NUBIFRAGI: IN CALABRIA, ANNUS HORRIBILIS E MIX ESPLOSIVO

Pubblicato il 18/07/2017

Salgono a circa 300 milioni in Calabria, le perdite provocate alle coltivazioni ed agli allevamenti da un andamento climatico del 2017 del tutto anomalo e che lo classifica tra i primi posti dei piu' torridi e siccitosi da oltre 200 anni, segnato anche da disastrosi incendi e violenti temporali, che si sono abbattuti "a macchia di leopardo" sulla penisola calabrese. Coldiretti Calabria ha reso noto i dati relativi ai danni all'agricoltura della regione:  in difficoltà l'ulivo con perdite medie del 35/40% e la viticoltura con circa un 15% di grappoli bruciati per eccesso di caldo e siccità, mentre in forte difficoltà sono i pascoli per bovini ed ovicaprini con forte diminuzione di produzione di foraggi sui prati permanenti;  aumento del costo delle irrigazioni straordinarie sugli ortaggi in pieno campo, in serra, per la frutticoltura e in diversi territori anche nei vigneti.

La siccità ha compromesso la qualità di frutta e ortaggi, determinata dall'accelerazione della maturazione (pesche e angurie, ecc.) e dai maggiori scarti soprattutto verso le consegne alla Grande Distribuzione Organizzata (G.D.O.).  In totale, la stima dei danni, tra maggiori costi e minore produzione, raggiunge, secondo Coldiretti, circa 300 milioni di euro con la Regione Calabria, che ha avviato le procedure per la richiesta, al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, del riconoscimento della calamità.

"Alla luce dei dati che ci consegna questo annus horribilis – afferma Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria - serve assolutamente una nuova cultura della prevenzione  in una situazione, in cui quasi 9 litri di pioggia su 10 sono perduti. Occorre che la Regione Calabria faccia scelte in linea e quindi investa con decisione su invasi e reti irrigue, perché sono la pre-condizione per  continuare a mantenere agricoltura di qualità, nonchè benefici all'ambiente e al paesaggio. Si rendono infatti necessari – continua  – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini aziendali,  utilizzando anche le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere l'acqua piovana. In fondo – aggiunge – la nostra economia,  sull'accesso all'acqua, ha costruito una parte importante del proprio modello di sviluppo. Nella lotta agli incendi è determinante la tempestività di intervento e la creazione di una rete diffusa di sorveglianza, coinvolgendo gli agricoltori e i consorzi di bonifica che, dotati di mezzi   adeguati hanno capacità organizzativa e conoscenza del territorio."

Articoli correlati