IT EN
MENU

Torna indietro
09/01/2018

UNITA’ DI INTENTI FRA ANCE TOSCANA NORD E CONSORZIO DI BONIFICA

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra il presidente di ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) Toscana Nord, Stefano Varia e il presidente del Consorzio di bonifica Toscana Nord, Ismaele Ridolfi: un’occasione creata per focalizzare l’attenzione sui temi inerenti la difesa del suolo e legati al comparto delle costruzioni, di cui A.N.C.E. Toscana Nord rappresenta le maggiori realtà nell’ambito del circuito delle casse edili di Lucca, Pistoia e Prato.

Numerosi i temi emersi e oggetto di confronto, soprattutto inerenti i lavori programmati dal Consorzio nell’ambito del P.S.R.(Piano Sviluppo Rurale) regionale e che consentiranno di attuare, nei prossimi anni, importanti interventi di messa in sicurezza di versanti e corsi d’acqua nel comprensorio.

ANCE Toscana Nord ha ribadito l’importanza di mantenere alta l’attenzione sulla tutela delle piccole e medie imprese, che formano il tessuto imprenditoriale locale: realtà legate al territorio, che cercano di mantenere l’occupazione in un settore, che ancora fatica a ripartire e che, soprattutto, sono capaci di offrire una risposta efficace alle esigenze dell’ente in termini di professionalità e reperibilità.

“E’ stato un confronto molto proficuo – spiega Varia – in particolare abbiamo apprezzato la precisa scelta del Consorzio di non ricorrere al sorteggio per la selezione delle imprese, ma di attuare meccanismi di invito, a rotazione, degli operatori iscritti nell’albo fornitori, nonché  di valorizzare la partecipazione delle piccole e medie imprese anche attraverso l’elemento della collocazione geografica delle sedi operative aziendali rispetto ai luoghi di esecuzione dei lavori, così come peraltro prevede la normativa e come da tempo chiediamo. Abbiamo inoltre segnalato anche il tema della manutenzione del fiume Serchio, caro alla nostra associazione e già oggetto, in passato, di numerose proposte agli enti preposti; in merito abbiamo chiesto che le competenze del Consorzio possano indirizzarsi concretamente verso le soluzioni da tempo auspicate, per le quali ribadiamo la disponibilità delle nostre imprese.”

“Con l’ANCE  abbiamo convenuto sulla massima trasparenza  in  base agli elenchi di fornitori, che sono costantemente aperti e aggiornati, grazie ai quali  il nostro ente riesce a garantire un’ampia rotazione degli inviti e degli affidamenti – evidenzia Ridolfi – come richiesto, tra l’altro, anche dal codice degli appalti e dalle linee guida dall’Autorità Nazionale Anti Corruzione (A.N.A.C.). Così come la nostra attenzione alle piccole e medie imprese, anche questo richiesto dalla normativa, ma spesso disatteso dalle stazioni appaltanti. L’attività del Consorzio dimostra come l’impegno per la sicurezza idraulica possa diventare un motore potente per lo sviluppo economico del territorio. Basti pensare agli 87 progetti, per un investimento totale di 17milioni di euro, che l’ente consortile sta realizzando su tutto il comprensorio, grazie ai finanziamenti europei del Programma di Sviluppo Rurale. Si tratta di risorse, che stanno andando in primis a risolvere problemi idraulici strutturali, più volte segnalati dai cittadini, ma che diventano occasione formidabile per creare occasioni di investimento e lavoro per le aziende del nostro territorio.”


Articoli correlati

Condividi