ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

FRANCESCO VINCENZI “L’ECONOMIA GLOBALE CHIEDE CERTEZZE SUL FUTURO DELL’ITALIA. FINANZIARE PREVENZIONE IDROGEOLOGICA ED INFRASTRUTTURE IRRIGUE DARA’ SICUREZZA AGLI INVESTIMENTI, AUMENTANDO LA RESILIENZA DEI TERRITORI”

Pubblicato il 01/10/2018

"Il ripetersi di eventi meteorologici estremi, più o meno gravi ma ricorrenti, pone il tema della salvaguardia idrogeologica al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica. Ora, però, è il tempo delle scelte di bilancio per lo Stato e bisogna che alle parole seguano adeguate opzioni politiche. I Consorzi di bonifica operano quotidianamente su circa 200.000 chilometri di corsi d'acqua, reinvestendo in manutenzione ordinaria quanto ricevuto attraverso la riscossione dei contributi, ma non basta: servono quegli investimenti in prevenzione, mancati per 40 anni! L'annuale Piano ANBI per la Riduzione del Rischio Idrogeologico è un patrimonio di conoscenze, che mettiamo  servizio del Paese; prevede circa 3.700 interventi per quasi 8 miliardi di spesa, finanziabili con mutui quindicennali."

A ricordarlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell'Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto ad un convegno sul fiume Po, a Ferrara.

"E' necessario decidere quale modello di sviluppo vogliamo per il nostro Paese al tempo dei cambiamenti climatici – prosegue il Presidente di ANBI - Se la promozione del territorio e delle sue eccellenze è un asset fondamentale per il futuro dell'Italia, dobbiamo preservarlo, abbandonando la logica dell'intervento in emergenza, ma valorizzando la prevenzione, perché la sicurezza dai fenomeni meteorologici  è indispensabile per essere attrattivi dal punto di vista turistico e produttivo.  In questo quadro, un ruolo fondamentale assumono l'agricoltura di qualità ed il "made in Italy" agroalimentare, per i quali è indispensabile la disponibilità d'acqua. Sabato prossimo –  ricorda Vincenzi - ne rilanceremo le prospettive economiche ed occupazionali nel corso della tappa romana dell'Acqua Tour 2018, perchè le risorse idriche devono tornare ad essere alleate del nostro sviluppo sui mercati globali e non essere un pericolo. Per questo, confrontarsi sulla valorizzazione del fiume Po è una scelta giusta e che guarda al futuro."

Articoli correlati