IT EN
MENU

Torna indietro
06/12/2018

RIVIERA DEL BRENTA: FINANZIATI LAVORI PER OTTIMIZZARE LA GESTIONE DELLE ACQUE IRRIGUE

Il progetto esecutivo per l’ottimizzazione della gestione delle acque irrigue nella Riviera del Brenta ha ricevuto il contributo del 100% dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo, rientrando nella graduatoria provvisoria del Programma di Sviluppo Rurale Nazionale. L’assegnazione del finanziamento è stata comunicata durante l’incontro tra il Consorzio di bonifica Bacchiglione e i sindaci dei Comuni interessati (Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Dolo, Fossò, Strà e Piove di Sacco).

I lavori consisteranno in due tipi di interventi: da un lato si procederà con la creazione di un’area umida, denominata “lungo lo scolo Brentoncino”, in comune di Dolo e con la ricalibratura con annesso allargamento dell’alveo dello scolo II Diramazione Brentoncino, nel comune di Camponogara. Dall’altro, i rimanenti 25 interventi prevederanno l’installazione di sistemi di automazione e telecontrollo dei manufatti idraulici, individuati nell’area dei comuni interessati.

«Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto anche questo obiettivo, che ci permette di continuare il nostro costante lavoro per la messa in sicurezza del territorio. Questo è un ulteriore intervento volto al miglioramento di quest’area non solo per quanto riguarda la funzione irrigua, ma soprattutto per garantire la sicurezza idraulica – afferma il presidente del consorzio di bonifica, Paolo Ferraresso- La costruzione di nuovi volumi di invaso, in particolare, tornerà utile nei momenti di piena.»

L’opera tiene in considerazione la duplice funzione sia irrigua che di bonifica della rete consortile e interviene, realizzando nuovi volumi d’invaso in grado di trattenere le acque durante gli eventi di piena, utilizzando le aree umide di Brentoncino e Lova già esistenti e Dolo in fase di progettazione, per un volume totale di 75.700 metri cubi. L’importo necessario per la realizzazione dell’intervento è di 4.550.000 euro ed ha, come obiettivo, un risparmio della risorsa idrica nell’area della Riviera del Brenta.


Articoli correlati

Condividi