IT EN
MENU

Torna indietro
03/06/2019

VENTO ALLA FINARDA

Il progetto VENTO Bici Tour ha fatto tappa alla Finarda.

A fare gli onori di casa, parlando dell’impianto idrovoro e di turismo, è stato Fausto Zermani, Presidente del Consorzio di bonifica di Piacenza: “Questo impianto è un modello, perché quasi 100 anni fa, con la sua entrata in funzione, ha permesso di strappare le terre alle acque per renderle fertili e sicure e perché oggi continua ad essere perfettamente funzionante grazie alla manutenzione costante. Il turismo si sta evolvendo, cresce la voglia di esperienze autentiche ed emozionali.”

E’ stato Paolo Pileri, responsabile scientifico di VENTO, ad illustrare il senso della giornata: “Siamo qui per dedicarci alla progettazione delle infrastrutture, pedalando su percorsi in parte attrezzati e in parte ancora da attrezzare, per individuare pregi e difetti, errori progettuali e rimedi possibili, ma soprattutto per fornire agli studenti  gli elementi per progettare una ciclabile nella sua geometria e funzionalità. Insieme dobbiamo avere visione, immaginandoci qualcosa, che vada oltre ai territori comunali.”

Proprio di superamento dei confini  parla Paolo Mancioppi, assessore ad ambiente, parchi, Protezione Civile, mobilità e servizi al cittadino del Comune di Piacenza: “Con VENTO abbiamo fatto un lavoro di squadra, dialogando tra Comuni e Regioni, perseguendo una direzione e un interesse comune. VENTO è un bando progettuale unico, che vedrà Piacenza parte del prossimo stralcio.”

A chiudere, sempre parlando di territorio, è Amerigo Filippi, capitano del Gruppo Carabinieri Forestale di Piacenza: “Dal punto di vista naturalistico, antropico, umano e di caratterizzazione del paesaggio, quello che si incontra da Torino a Venezia è in un certo modo ascrivibile ad una regione unica e sovra-amministrativa, quella del fiume Po.”

VENTO è una dorsale cicloturistica di oltre 700 chilometri, da VENezia a Torino, in parte esistente e in parte in progetto; coinvolge un territorio ampio con l’obbiettivo di rigenerarlo, rilanciando il paesaggio italiano e il piacere di visitarlo, attivando occupazione, socialità, urbanità.

Ad effettuare il bici tour (dall’impianto della Finarda fino a Cremona) è stato un gruppo di circa 40 studenti del Politecnico di Milano accompagnati, tra gli altri, da Paolo Pileri, Alessandro Giacomel e una delegazione di Carabineri Forestali.

L’impianto idrovoro della Finarda, cornice della mattinata e oggetto di visita guidata, è strategico per la città di Piacenza sia durante i periodi di piena del Po che per lo scolo delle acque, che giungono dai due canali principali: Settentrionale e Rifiuto. L’impianto è costituito da una centrale con cinque elettropompe con una portata complessiva pari a 25.000 litri al secondo.


Articoli correlati

Condividi