IT EN
MENU

Torna indietro
24/03/2020

TEMPERATURE IN PICCHIATA. IL SERVIZIO ANTIBRINA SALVA PESCHI, KIWI E MELI

Le temperature rigide, registrate di notte nella media pianura friulana, con minime che hanno raggiunto anche -3 gradi in alcune aree, hanno comportato la necessità di effettuare l’irrigazione antibrina a tutela delle colture di pregio, in particolare frutticole, che altrimenti avrebbero potuto subire danni ingenti, compromettendo l’intero ciclo produttivo. Peschi, actinidia (kiwi) e, in alcuni casi, i meli si trovano infatti in una fase del ciclo vegetativo tale che le gelate potrebbero comportare uno scadimento qualitativo dei frutti, fino alla perdita totale o parziale della produzione.

Il Consorzio di bonifica Pianura Friulana ha garantito il servizio antibrina a numerose aziende agricole del Medio Friuli, in particolare nei comuni di Basiliano, Bicinicco, Mortegliano, Lestizza, Sedegliano, per una superficie complessiva di oltre 100 ettari. Per garantire l’irrigazione antibrina, il Consorzio già da inizio marzo aveva avviato il riempimento delle reti tubate ed effettuato test di funzionamento dei numerosi impianti di pompaggio coinvolti.

“Voglio ringraziare l’intera struttura consortile – evidenzia la presidente dell’ente consortile, Rosanna Clocchiatti - che, in questo periodo segnato dall’emergenza sanitaria, è riuscita comunque a garantire un servizio fondamentale per tante aziende agricole del nostro comprensorio. I consorzi di bonifica sono chiamati a svolgere un servizio essenziale a favore del territorio in tutte le stagioni: dall’irrigazione estiva alla gestione degli eventi di piena nelle stagioni primaverili e autunnali al servizio antibrina per le gelate precoci o tardive, alla gestione delle idrovore che, anche in assenza di pioggia, devono garantire la fruibilità di vaste aree della Bassa Friulana; un’attività continua, che il nostro personale svolge con passione e dedizione, dando un contributo fondamentale a superare situazioni critiche come quella, che tutti stiamo attraversando. Ora la nostra attenzione - conclude la presidente – sarà dedicata alla preparazione degli impianti e delle reti irrigue per la prossima stagione estiva; saremo pronti, dove possibile, anche ad eventuali richieste anticipate.”


Articoli correlati

Condividi