ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

PAURA ALLA FOCE DEL MAGRA PER LA PIENA E IL MARE GROSSO

Pubblicato il 23/01/2021

Notte sotto l'acqua con gli occhi puntati sul fiume Magra ingrossato dalla piena e dal rientro del mare alla foce. Le squadre di emergenza del Consorzio di bonifica del Canale Lunense, in stretto contatto con la Protezione Civile di Regione Liguria, sono entrate in allerta già nella tarda serata di venerdì per prevenire ed affrontare, tra Bocca di Magra e Fiumaretta, il pericolo di esondazioni con l'eventuale chiusura delle paratie di difesa sui canali colatori.

A destare forte preoccupazione è l'incalzare della pioggia in una giornata di allerta arancione e soprattutto il mare ingrossato, che rigurgitava acqua verso il fiume. Ore di monitoraggio, di ansia, di preoccupazione, risolte dalla tregua concessa nella mattinata odierna dal maltempo. Occhi apertissimi anche pochi chilometri più indietro, nella piana di Arcola, dove la portata del Magra ha messo in moto il sistema di pronto intervento del Consorzio di bonifica Canale Lunense per la chiusura delle 'portelle' nel tratto di sbocco dei corsi d'acqua affluenti. Le piogge abbondanti hanno fatto scattare l'allarme anche per le due idrovore di Luni Mare e Marinella di Sarzana, centri sotto il livello del mare ed a rischio allagamenti. Le 'sentinelle' del  "Canale Lunense" hanno evitato il peggio, consentendo ai mezzi idraulici di sollevare acqua e spingerla sui canali artificiali. "È stata una notte davvero impegnativa – sottolinea il direttore del Consorzio di bonifica Canale Lunense, Corrado Cozzani – Un grande lavoro per le nostre squadre in continuo monitoraggio della rete dei corsi d'acqua del comprensorio contro il rischio allagamenti."  

Articoli correlati