ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI PROTAGONISTE AD OPEN DAY UNIVERSITA’ TUSCIA

Pubblicato il 03/03/2021

Le opere progettate e realizzate dal Settore Forestale e dal Settore Tecnico Agrario del Consorzio di bonifica montana del Gargano sono state protagoniste dell'Open Day 2021 dell'Università della Tuscia a Viterbo, dove è stato presentato il corso di laurea in scienze della montagna.

In particolare, per l'insegnamento "sistemazioni idraulico – forestali" sono state prese a modello le suddette opere  eseguite  con tecniche di ingegneria naturalistica, indispensabili in molte aree interne, mirate alla tutela dell'ambiente e ad una più agevole, nonché razionale fruizione dello stesso.

L'Open Day, che mira anche ad evidenziare i potenziali sbocchi occupazionali del corso di laurea, si inserisce nell'ambito dell'attività operative, previste da uno specifico Protocollo d'Intesa, siglato tra il Consorzio di bonifica montana del Gargano ed il Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali (Dafne) dell'Università della Tuscia.

Così, in un video presentato in streaming dall'ateneo viterbese, sono state presentate alcune opere del Consorzio negli agri di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Apricena e San Nicandro Garganico (briglie di contenimento in legname e pietrame per rallentare la velocità dei corsi d'acqua; palificate in legno per difese spondali; ricostituzione e consolidamento di argini con massi ciclopici; uso di tasche vegetative di rinverdimento; messa a dimora di essenze vegetali coltivate nel vivaio consortile della biodiversità, sito in Borgo Celano, al fine di incrementare le condizioni di stabilità ed ottimizzare il relativo inserimento ambientale.

Nel commentare l'iniziativa, il presidente del Consorzio di bonifica montana del Gargano, Eligio Giovan Battista Terrenzio, ha ricordato le ragioni di questa partnership: "In primo luogo le collaborazioni istituzionali, che fanno parte della nostra missione  e, in questo ambito, quelle con il mondo della ricerca delle diverse realtà accademiche, presenti  in Puglia ed in altre regioni italiane."

"Il nostro - ha aggiunto il presidente, Terrenzio - "è in Italia l'unico consorzio di bonifica esclusivamente montano e nelle attività consortili abbiamo visto grandi affinità con il piano didattico del corso di laurea in scienze della montagna. Le nostre opere presentate nel cortometraggio rivestono un carattere di estrema attualità, perché in linea e per molti aspetti antesignane sia delle politiche comunitarie del Green New Deal sia dei recentissimi impegni governativi nazionali per una transizione sostenibile, nonché per la tutela e la valorizzazione del territorio e dell'ambiente."

Articoli correlati