ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

COLLABORARE CON IL CONSORZIO: CANDIDATURE SEMPLIFICATE PER LE AZIENDE AGRICOLE

Pubblicato il 05/03/2021

Con il mese di marzo, il Consorzio di bonifica 2 Alto Valdarno torna ad offrire alle imprese agricole del comprensorio la possibilità di integrare il reddito, collaborando nella manutenzione ordinaria dei  corsi d'acqua.

Un'opportunità ancora più importante, in questo periodo funestato dal COVID 19,  per compensare almeno parzialmente gli incassi sfumati in seguito alle restrizioni che, dal  marzo 2020 ad oggi, hanno penalizzato molte delle attività utili per migliorare le performance aziendali.

Le realtà dotate di forze umane e strumentali   adeguate  potranno candidarsi per ottenere l'affidamento delle lavorazioni di sfalcio e taglio della vegetazione,  riprofilatura e ripristino delle sezioni e dei rilevati arginali, inserimento di opere di ingegneria naturalistica a difesa di sponde dissestate, chiusura di eventuali tane di animali.

Farsi avanti sarà anche più semplice rispetto al passato, poiché il Consorzio di bonifica ha  perfezionato il sistema per la raccolta delle domande, passando dalle iniziali richieste cartacee a quelle dematerializzate, con procedure che, nel tempo, sono state corrette, migliorate ed affinate.

La novità più importante è che le candidature non dovranno essere ripetute con cadenza annuale.

L'albo rimarrà valido fino al 2026 e potrà essere modificato, implementato ed eventualmente corretto, anche recuperando e correggendo le informazioni sul parco mezzi, già  inserite dalle imprese negli anni precedenti.

"Le iscrizioni per gli affidamenti relativi al 2021 scadono a fine marzo, ma le aziende interessate potranno continuare a proporsi. Prima di procedere con gli incarichi per l'anno successivo, il Consorzio, alla fine del mese di gennaio, aggiornerà automaticamente l'elenco,    con l'inserimento delle domande pervenute successivamente alla scadenza. Per il mondo agricolo una bella opportunità, elaborata tenendo conto dei necessari presupposti giuridici"  spiega Beatrice Caneschi, dirigente dell'area amministrativa dell'ente consortile.

Il supporto telematico è stato migliorato graficamente per agevolare la procedura e sul piano funzionale per segnalare, con appositi "alert",  le aziende, che non hanno sede nel comprensorio Alto Valdarno.

"L'obiettivo è di offrire alle realtà agricole la possibilità di programmare l'attività e di organizzarsi per un periodo di 5 anni, ma anche di sostenere le imprese che operano nei 54 comuni del comprensorio:  consentire loro un miglioramento del reddito significa incentivarle a rimanere operative  per continuare a svolgere anche la preziosa attività di presidio dell'area, su cui insistono. Il coinvolgimento delle imprese agricole nella cura del reticolo idrografico è un vantaggio anche per il Consorzio, che può avvalersi di "partner" specializzati e con una approfondita conoscenza delle zone, dove sono chiamati ad operare" commenta la presidente, Serena Stefani, che  di recente  ha illustrato le principali novità alle organizzazioni professionali agricole.

Come in passato, è prevista ancher l'applicazione di penali, tra cui esclusione e sospensione dall'albo o l'erogazione di sanzioni pecuniarie, alle ditte, che non rispettino le scadenze e le modalità di esecuzione degli interventi, indicate dall'ente.

Le imprese agricole interessate possono scaricare regolamento e modalità di iscrizione consultando il sito istituzionale del Consorzio all'indirizzo www.cbaltovaldarno.it .

Articoli correlati