ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

IN ALTO VALDARNO, ANCHE IL TEVERE PROTAGONISTA

Pubblicato il 30/03/2021

Obiettivo puntato sul Tevere, insieme all'Arno, l'altro grande fiume, che attraversa il comprensorio dell'Alto Valdarno: il locale Consorzio di bonifica 2  ha infatti deciso di avviare un percorso partecipativo, aperto ed inclusivo, per coinvolgere soggetti pubblici e privati nella gestione di un tratto importante del corso d'acqua, cioè quello, che attraversa i territori dei comuni di Anghiari, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro.

Il "patto" ha la forma del Contratto di Fiume, si chiama "Tevere in Toscana"  ed  abbraccia il bacino idrografico toscano del Tevere con i suoi  principali affluenti:  Singerna, Tignana, Fiumicello, Afra, Ancione, Sovara e Rimaggio che, scendendo dai Monti Rognosi, in inverno  è caratterizzato da grandi portate.

Miglioramento della sicurezza idrogeologica, tutela dell'ambiente naturale e della biodiversità, valorizzazione e fruizione  dell'asta fluviale sono gli obiettivi, che ispirano il progetto, sostenuto anche dalle associazioni del territorio, fra cui spicca, per l'impegno, "Nostra Valle".

Primo passo, giovedi 1 aprile prossimo, quando si terrà il primo summit dei sindaci dei Comuni interessati.

Causa COVID 19, l'incontro si terrà da remoto e servirà per mettere a fuoco e condividere obiettivi e modalità operative.

Nel percorso  saranno coinvolti associazioni, ordini professionali, istituti scolastici, organizzazioni di categoria, imprese, soggetti privati, che hanno proposte da avanzare e che  intendono impegnarsi per migliorare il territorio fluviale su cui vivono ed operano  con la precisa volontà di trovare soluzioni per risolvere le criticità, che lo rendono  fragile e  valorizzare le infinite potenzialità, che rendono unica l'area compresa tra la dorsale appenninica ed il confine con l'Umbria.

"Nelle nostre intenzioni un vero e proprio patto per lo sviluppo della Valtiberina Toscana basato sulla sussidiarietà e la partecipazione, che vedrà coinvolti tutti gli attori del territorio", spiega la presidente del Consorzio di bonifica Alto Valdarno, Serena Stefani.

Articoli correlati