ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

ERASMO D’ANGELIS (Segretario Generale Autorità di Bacino Distrettuale Appennino Centrale) “L’ITALIA VERSO IL FORUM MONDIALE ACQUA 2024”

Pubblicato il 15/04/2021

L'Italia è nella short list dei Paesi candidati a sede del Decimo Forum Mondiale dell'Acqua, previsto nel  2024.

"In Italia ci sono  ben 7.494 corsi d'acqua e non li ha nessuno in Europa; di questi, 1.242 sono fiumi a regime torrentizio. L'83% del nostro territorio è  coperto da bacini fluviali. Abbiamo 347 laghi: 14 naturali con una superfice maggiore di 10 chilometri quadrati, 183 artificiali. Abbiamo 532 dighe e 16.000 piccolissimi invasi regionali e di questi 4.000 sono alpini; abbiamo anche 1.053 falde sotterranee.  Noi siamo il Paese europeo più ricco d'acqua e sicuramente tra i Paesi più ricchi d'acqua nel  mondo. Ogni anno piovono più di 300 miliardi di metri cubi, di cui tratteniamo solo l'11%": ad affermarlo è Erasmo D'Angelis, Segretario dell'Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Centrale. 

"Abbiamo una storia incredibile di modifiche idrauliche anche molto radicali e non sempre migliorative dei nostri habitat – continua D'Angelis -  Le  Autorità di Distretto hanno un quadro preoccupante delle condizioni attuali: abbiamo problemi di inquinamento e  di scarsa depurazione delle acque. Abbiamo un'Italia a diverse velocità e gli effetti dei cambiamenti climatici stanno aggravandosi  con lunghi periodi di siccità, che producono circa un miliardo e mezzo di perdite ogni anno all'agricoltura; poi ci sono anche le alluvioni, che hanno causato  ben 4 miliardi di danni all'anno dal 1946 ad oggi, causando anche  tantissime vittime. Abbiamo problemi di salinizzazione delle falde lungo alcuni tratti della nostra fascia costiera e penso alla Maremma, al Sud, alle isole; abbiamo problemi di desertificazione, dove l'acqua non arriva e va portata. L'Italia ha bisogno di una visione globale sull'acqua. Abbiamo due piani operativi finanziati: Piano Invasi Acquedotti e Next Generation You, che devono produrre opere ed interventi. Siamo dinanzi ad un settore, dove è in corso un'innovazione tecnologica sfidante verso la sostenibilità: dalla captazione alla distribuzione, al recupero di risorsa, alla fase di depurazione e di riuso. Ci sono esperienze, che vanno raccontate." 

Articoli correlati