ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

ANBI: CON L’AIUTO DEL LOCALE CONSORZIO DI BONIFICA SARA’ RICOSTRUITO UN PONTE TIBETANO FRA PICCOLE COMUNITA’ DELLA MONTAGNA PARMENSE UN SIMBOLO PER L’ITALIA CHE VUOLE RIPARTIRE SENZA LASCIARE INDIETRO NESSUNO

Pubblicato il 14/05/2021

Per gli appassionati escursionisti ed amanti del trekking è noto come "ponte dei Salti del Diavolo" o come "ponte tibetano sul Baganza" a causa della sua immagine, che rimanda ai celebri ponti sospesi delle lontane terre d'Asia; ora, grazie ai contributi di Regione Emilia-Romagna e Provincia di Parma, sarà ricostruito dopo che nell'Ottobre 2014 la piena del torrente distrusse una delle più affascinanti  attrattive della Val Baganza, in provincia di Parma.

"La ricostruzione del ponte tibetano della Val Baganza – commenta Francesco Vincenzi, Presidente ANBI – assume un significato particolare nel momento, in cui il Paese è di fronte a scelte fondamentali per il proprio modello di sviluppo, che non può prescindere dalla valorizzazione del territorio e dell'economia delle sue comunità anche montane."

Il Comune di Terenzo, cui è stato assegnato il necessario finanziamento, ha richiesto la collaborazione del Consorzio della bonifica Parmense ed i lavori avranno inizio poco prima della stagione estiva per terminare prevedibilmente a Settembre;  i comuni interessati alla ricostruzione del ponte pedonale sono Terenzo, Berceto e Calestano.

"Pur non essendo la costruzione di un ponte, una specifica competenza del nostro ente, abbiamo accettato di affiancare l'Amministrazione Comunale di Terenzo a dimostrazione degli sforzi quotidiani per essere al fianco delle comunità, che vivono in montagna" evidenziano la Presidente, Francesca Mantelli ed il Direttore Generale dell'ente consortile, Fabrizio Useri.

Lo spettacolare ponte venne inaugurato nel 2007 ed è, a tutti gli effetti, una via di collegamento tra le sponde di due territori (i comuni di Terenzo e Berceto), oltre a  rappresentare un importante propulsore di sviluppo turistico per l'area. All'origine del nome della formazione rocciosa (Salti del Diavolo) vi è la leggenda, che narra di un monaco eremita il quale, ritiratosi in preghiera nella zona, divenne oggetto di tentazioni da parte del diavolo, che lo allettò con promesse di cibo, ricchezze ed anche di una giovane fanciulla; il monaco però non solo seppe resistere, ma scacciò il maligno che, nella fuga, lasciò impresse le proprie orme sul terreno, dando così vita alla formazione sedimentaria  ancora oggi ben visibile.

 "E' indispensabile – conclude Massimo Gargano, Direttore Generale ANBI – creare ogni condizione per fermare il progressivo abbandono dei territori alti, la cui manutenzione, affidata al presidio dell'uomo, è condizione imprescindibile per garantire sicurezza idrogeologica alle aree più a valle. L'attenzione quotidiana, dimostrata dal Consorzio della bonifica Parmense, è esempio della sussidiarietà applicata, che permea la natura costitutiva degli enti consortili a servizio dell'intera collettività." 

Articoli correlati