IT EN
MENU

Torna indietro
06/10/2021

COLDIRETTI VENETO: NUOVI STRUMENTI E RISORSE PER IL PIANO DI CONTROLLO DELLE NUTRIE

Bene la mozione approvata in Consiglio Regionale del Veneto, che impegna la Giunta a trovare risorse per interventi in grado di potenziare l'attuazione delle attività eradicazione delle nutrie: è il commento di Coldiretti Veneto sul provvedimento  votato all’unanimità e che sottolinea una presa d’atto politica in merito alla presenza fuori controllo di questa specie invasiva.

L’entrata in vigore del nuovo piano regionale di eradicazione infatti non prevede gli aspetti economici  e la questione  è,  per alcune problematiche, rimasta ancora aperta sul tavolo istituzionale. Visto i risultati raggiungi dalla precedente pianificazione, la mozione va nella direzione di implementare la nuova programmazione di controllo della nutria, rendendola più efficace attraverso l’uso di tecnologie d’avanguardia per individuare i siti di insediamento del roditore, integrandola con incentivi ad hoc per sostenere le azioni di abbattimento e di smaltimento delle carcasse, nonchè per attivare moderni strumenti, che in tempo reale favoriscano la mappatura della presenza delle nutrie. Ai danni alle colture  come mais, barbabietole e grano, di cui il roditore è ghiotto, si aggiungono i costi supplementare per gli interventi straordinari di manutenzione a carico dei consorzi di bonifica. L’attenzione sull’argomento è alta, tanto sul territorio come a livello decisionale. L’auspicio è che siano prese le misure necessarie per affrontare una programmazione quinquennale con gli strumenti all’altezza delle richieste manifestate dagli imprenditori agricoli e dagli enti coinvolti.

“Questa situazione, se trascurata, può solo degenerare ulteriormente”, conclude Coldiretti Veneto, “su  questo l’amministrazione regionale può impegnarsi da subito, prevedendo nuove metodologie applicate alla prospettiva di una programmazione di cinque anni, con soluzioni all’altezza delle richieste di sicurezza non solo manifestate dal mondo dell’agricoltura ma dall’intera collettività”.


Articoli correlati

Condividi