ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

ANBI: PER DARE RISPOSTE CONCRETE AI GIOVANI BISOGNA AUMENTARE LA CAPACITA’ DI SPESA PRODUTTIVA

Pubblicato il 09/11/2021

"L'Italia spende solo il 45% delle risorse comunitarie assegnate: questo deve essere un assillo per tutti i soggetti decisori; dobbiamo dare risposte immediate per garantire un futuro migliore alle giovani generazioni": l'appello è di Massimo Gargano, Direttore Generale dell'Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto al cinquantenario della convenzione fra ENPAIA (Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e gli Impiegati in Agricoltura) e SNEBI (Sindacato Nazionale Enti Bonifica e Irrigazione), da cui nacque il fondo mutualistico a tutela dei lavoratori consorziali.

"Per contrastare l'emergenza climatica – aggiunge Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI – serve un grande sforzo comune e nuove risorse per la sistemazione del  territorio, ad iniziare dall'assetto idrogeologico. È necessario lavorare insieme per scrivere una pagina nuova del Paese. In questo, i Consorzi di bonifica ed irrigazione dimostrano capacità progettuale e rispetto dei cronoprogrammi. A fronte, però, di progettazioni definitive ed esecutive, ammesse a finanziamento per quasi 1 miliardo e mezzo di euro, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede nuove risorse per soli 520 milioni circa, nonostante l'Italia spenda mediamente  7 miliardi di euro all'anno per riparare danni da calamità naturali. Della necessità di colmare questo divario – conclude il Presidente di ANBI – parleremo (domani) mercoledì 10 Novembre nel corso di un confronto, organizzato insieme a SVIMEZ, con rappresentanti di Governo e Parlamento, nonché dei sindacati. L'appuntamento è alle ore 10.30 nella Capitale, al Centro Congressi  Roma Eventi. Dati alla mano, cercheremo alleanze per sollecitare scelte politiche ormai urgentissime, come drammaticamente  testimonia  l'apparire degli uragani sul mare Mediterraneo." 

Articoli correlati