GOCCIA VERDE ANBINFORMA AMBIENTI D’ACQUA MAGAZINE IRRIGANTS EUROPE CAP2020 PROGETTI ANBI
ITEN
Menu mobile
Torna indietro

PEDERZOLI CONFERMATO PRESIDENTE CER

Pubblicato il 07/03/2016

Progetti europei, ricerca avanzata, sperimentazione scientifica strettamente legata all'innovazione tecnologica e soprattutto uno straordinario mezzo per fare arrivare l'irrinunciabile risorsa acqua alle colture tipiche del bolognese e di tutta la Romagna, che altrimenti sarebbero all'asciutto senza il vitale apporto idrico del Canale Emiliano Romagnolo. A questo poi, negli ultimi anni, si è sommato un indispensabile contributo delle acque del C.E.R. per gli utilizzi civili/idropotabili: acque utilizzate dai potabilizzatori romagnoli, che forniscono un approvvigionamento costante a oltre mezzo milione di persone, che aumentano notevolmente durante i periodi di massima affluenza turistica. Stamane i delegati dei consorzi di bonifica associati, ma anche in rappresentanza di diversi enti territoriali, si sono riuniti a Bologna e all'unanimità hanno riconfermato, alla presidenza dell'ente per il prossimo quinquennio, l'imprenditore agricolo di Brisighella, Massimiliano Pederzoli. Oggi il Canale Emiliano Romagnolo, oltre alla sua storica funzione, ha guadagnato un'alta considerazione a livello europeo e globale in virtù dei suoi progetti scientifici ed è diventato anche un vero e proprio laboratorio di sperimentazione delle migliori tecniche sul risparmio idrico all'insegna di pratiche virtuose, che rappresentano un modello da imitare non solo nel nostro Paese. Il sistema irriguo "esperto" Irrinet, diventato oggi nazionale sotto il nome di Irriframe,  è stato pensato, sviluppato e concretizzato proprio dal Consorzio C.E.R.. "Numerose professionalità trovano, nel nostro consorzio, il comune obiettivo di raggiungere traguardi importanti dal punto di vista tecnico-scientifico e aggiungo agronomico – sottolinea Pederzoli – Questa mia terza conferma, che accolgo con grande spirito di servizio, mi rassicura sulle scelte di indirizzo, compiute in questi anni di lavoro. Un ente con funzione pubblica, oltre alla sua funzione specifica, deve avere un'identità, un'anima e personalità innovative in grado di offrire un contributo sempre nuovo e costruttivo; poi però servono persone di qualità e stimoli per raggiungere nuovi obiettivi utili per la collettività".

Articoli correlati